E-Invoice e Flat Tax: avvocati e commercialisti a confronto

con Nessun commento

Si è tenuto giorno 5 febbraio 2019 la giornata dedicata alle novità in tema di flat tax e fatturazione elettronica. L’evento, organizzato dall’Associazione Italiana Giovani Avvocati con il patrocinio della Fondazione Nazionale dei Giovani Dottori Commercialisti e dell’Unione dei Giovani Commercialisti del capoluogo siciliano, è stato realizzato con la finalità di chiarire alcuni punti ancora oscuri riguardanti le recenti riforme fiscali che coinvolgono professionisti e imprese.

Sono stati analizzati i vantaggi e gli svantaggi della fattura elettronica, le criticità del nuovo regime forfettario e gli sbarramenti che inibiscono la nascita di studi associati e STP. Durante l’evento sono stati analizzati anche i diversi profili di convenienza fiscale e gli elementi da valutare per la scelta del regime da adottare.

Non è corretto parlare di flat tax, ha spiegato l’Avv. Dott. Daniele Giacalone, Coordinatore Area Fiscale del Comitato Scientifico della Fondazione Centro Studi dell’Unione Nazionale dei Giovani Dottore Commercialisti, “si tratta di un regime forfettario con assoggettamento ad imposta sostitutiva. Come teorizzato dal Prof. Milton Friedman nell’opera Capitalism and Freedom, pubblicata nel 1962, il concetto di flat tax si riferisce ad un sistema tributario ad aliquota unica che non si adatta facilmente ai sistemi tributari basati sulla progressività. A tal riguardo, si rileva che il nuovo regime forfettario applicabile ai professionisti e alle imprese individuali, introdotto con lo sbarramento dei 65.000 euro, mal si adatta all’art. 53 della nostra Carta Costituzionale il quale prevede che il sistema tributario è informato a criteri di progressività”.

A tale interessante iniziativa sono intervenuti l’Avv. Giuseppe Miria, Presidente AIGA Palermo, seguito dal Dott. Enrico Lombardo, Presidente UGDCEC.

A relazionare, moderati dall’Avv. Vincenzo Galati, oltre all’Avv. Dott. Daniele Giacalone, i Dottori Antonio Sollena e Salvatore Musso.